LaLuceCheCercavi

Sito Cattolico

Piccola Medjugorje

Banner

 
   
  (PREGHIERE E POESIE)
11/04/2020 16:15  

Riflessione serale.

Riflessione serale.

Riflessione serale....

Parlo, col cuore in mano, a te Ministro Sacro, di riprendere la vita sacerdotale, di rivalutare la tua vocazione per cui ora sei sacerdote, se ancora credi alla tua chiamata! Guarda come Dio ti ha ascoltato: sempre stanco, sempre acido, sempre freddo, sempre chissà quale guaio avevi passato; mai disponibile, mai disposto a confrontarti per paura di perdere la potestà! Una tua vita fatta solo di “sono io il parroco!” ...sempre pronto un pretesto per non fare qualcosa che poteva dare gioia... Ora Dio ti ha ascoltato: non avevi voglia di celebrare la messa? Ecco il Signore ti ha accontentato.
Stanco di confessare perché altre tue cose ti hanno preso..., ora sei più libero di riposare! Processione e adorazione oggi non ti hanno impegnato ...ed anche qui Gesù ti ha accontentato! Ora hai più tempo per le tue passeggiate.
Ministro sacro, il Signore ti ha preso in parola, ti ha tolto le fastidiose tradizioni popolari che secondo te non hanno senso, sei libero da tutto e soprattutto non hai più orari! È ovvio che questo mio parlare è per quei ministri svogliati, mi dispiace per loro che chiudono la Grazia al popolo affidatogli . E poi, a voi preti che vi credete padroni delle parrocchie, o padroni di sconvolgere le tradizioni consolidate da anni, anche qui Dio vi ha accontentato: niente feste, niente colpi scuri, niente di niente per salvaguardare la vostra “delicata” salute e la vostra pigrizia autorizzata! Tutto, il Signore ha preso in considerazione della tua stanchezza cronica ed anche dei tuoi sbalzi di umore e delle tue acidità caratteriali verso il popolo Santo di Dio! Ora avete le chiese vuote, senza cori, senza quella gente che vi ha amato ugualmente! Ora sei tutto te stesso, ora tutto vorresti inventarti per farti dire “bravo”, ma dimentichi che anche per la confessione hai detto che non eri disponibile, che eri troppo stanco. Tutto vuoto, tutto senza senso.
...Quando dicevi che si poteva celebrare anche senza il popolo è vero, dovo accettare questa verità, continua allora, se ti fa piacere, a celebrare senza il popolo, senza le loro croci. Dio sicuramente ti accontenterà ancora, di sicuro. Domani è Pasqua cerchiamo di tornare ad essere umili ad essere servi fedeli, servi di Dio: “il servo che ama il suo padrone lo ascolta, non fa di testa sua; il servo è sempre sottomesso alle leggi e non si fa delle leggi per i comodi suoi!”

Riflettiamo prima che sia troppo tardi! Consacrate i vostri paesi ai Santi Patroni a cui appartengono, consacrategli il loro popolo affinché si possa evitare qualcosa ancora di peggio! Oh Maria, Regina che combatte il coronavirus, prega per noi e apri la mente a questi figli tuoi che chiami “prediletti del tuo amatissimo cuore”.
E a te, sacerdote servo amorevole, dico grazie che riesci a darci quello che i ministri pigri ed egoisti non vogliono e non possono dare ...per la loro avidità.
diacono emilio cioffi


  (PREGHIERE E POESIE)
11/04/2020 16:12  

Testimonianza del Diacono.

Testimonianza del Diacono.

Testimonianza del Diacono.

Testimonianza del Diacono.

Testimonianza del Diacono.

Testimonianza del Diacono.

Testimonianza del Diacono.

Testimonianza del Diacono.

Testimonianza del Diacono.

Testimonianza del Diacono.

TESTIMONIANZA DEL DIACONO - Siamo verso le 12,10 di oggi 4 aprile 2020, San Francesco Marto.
Entrando nella mia chiesa parrocchiale di Santa Caterina d'Alessandria (Pozzilli), noto una luce che viene da dietro l'altare maggiore. Subito penso se il parroco abbia dimenticato il faro acceso predisposto a illuminarlo. Fra me e me mi sono detto: non potrò spegnerlo visto che avrei dovuto aprire la porta che accede dietro l'altare. Me ne sto, dunque, per andare, ma sento una voce che mi dice: apri e vieni a vedere da dove proviene la luce. E così ho cercato di fare. Con grande meraviglia ho notato che la luce veniva sprigionata da un crocifisso allungato sull'armadio come per dirmi: "l'unica luce vera è quella che nasce dalla croce". Gesù di te mi fido, Gesù a te mi affido, Gesù in te confido e spero, caro Gesù tocco con mano come tu stia pensando a noi!


  (PREGHIERE E POESIE)
28/03/2020 20:53  

Preghiera di guarigione notturna.

Preghiera di guarigione notturna.

Preghiera di guarigione notturna.

Guarisci Gesù il mio corpo malato mentre io dormo.

Signore Gesù affranto per i miei peccati compiuti in questa giornata appena trascorsa, ti chiedo umilmente il perdono e ti chiedo la pace del cuore prima che i miei occhi stanchi e affaticati si chiudano al mondo per entrare nel mistero del sonno.
Ripenso, con il capo sul mio cuscino, a ciò che ho fatto oggi di buono e dove ho sbagliato e a chi ho offeso, o a chi ho amato o alle mie scelte strane. Mi pento davvero, con tutto il mio povero cuore, contrito ed umiliato a causa degli sbagli e dei peccati commessi che mi hanno potuto danneggiare nel vivere in pace con te e la mia famiglia. Prometto, oh mio amato Gesù, con il tuo Santo aiuto di non offenderti mai più e di comportarmi meglio da adesso e per i giorni che verranno.
Ora ti prego e ti chiedo di aver pietà di me perdonando i miei peccati, iniziando da quelli che ho da tanto tempo nel mio cuore, forse dimenticati come vecchi rancori, ma anche dispiaceri, ferite e dolori subiti nel tempo, o dalle tante delusioni subite ma anche date. Oh mio Signore questi miei malesseri sono sempre vivi, sempre pronti a venir fuori alla prima occasione di provocazione. Ti prego e ti chiedo, mio amato Signore, fa che mentre io dormo tu possa guarire il mio corpo malato da tutto ciò che mi porta lontano da te, unico mio bene. Accarezzami col tuo Santo sguardo pietoso; mentre sogno guarisci tutte le mie malattie fisiche e spirituali, mentali e psicologiche. Ti prego abbi pietà di me e guarisci il mio corpo distrutto dall'odio e dai rancori, dalle vendette e dalle gelosie e da qualsiasi spirito immondo.
Si, mio Signore, nel peccato mi ha concepito mia madre, mi ha generato fragile e debole alle tentazioni del mondo. Spesso cado nelle facili provocazioni, la carne mi divora, mi tortura e resistere a volte mi è difficile. Guariscimi, ti prego, da tutto ciò! Fallo mentre il sonno mi distacca dalle cose effimere. Ti ricordo che Misericordia sei e non puoi non perdonarmi! Ti chiedo ancora, all'infinito, oh mio Signore di usare pietà per me... Sei il Dio dell'amore, figlio della Vergine Maria che ai piedi della croce ha raccolto il tuo preziosissimo sangue sparso per salvarci dalla dannazione eterna. Si, proprio per lei devi farlo, per la tua Santissima Madre, donami l'assoluzione affinché attraverso lo Spirito Santo possa al mio risveglio essere, come te, per i miei fratelli e sorelle “Amore vivo” amore vero, amore che ama e perdona come hai fatto tu per me in questa notte di Misericordia, notte di perdono per tutti noi. Amen.
Scritta alle ore 02: 45 del 29 marzo 2020 diacono emilio cioffi vostro servo.


  (PREGHIERE E POESIE)
26/10/2019 13:18  

Preghiera di affidamento.

Preghiera di affidamento.

Preghiera di affidamento

Signore mettici le mani tu...
tu poi tutto ..
Come il nero lo puoi far diventare bianco
l'abisso delle tenebre le puoi trasformi in luce.
La morte in vita
Il dubbio in certezza ...
Signore mettici le mani tu
affinché questa giornata non sia persa ma
ciò che tu desideri
... Signore mettici le mani tu e avvenga in me la tua volontà amen.


  (PREGHIERE E POESIE)
20/08/2019 09:02  

“Gl’ muarr che scioscia”

Pozzilli paese natio di don Emilio
Storia scritta da lui
( muarr) sta per indicare grosso sasso. Spero che piaccia. Un vostro parere è gradito.


La romantica storia de “Gl’ muarr che scioscia”

Sul punto più alto dello sperone della montagna, vicino alle “Caiazzane”, si arriva a “Gl’ muarr che scioscia”.
La leggenda narra di un serpente che dopo aver trascorso tutta l'estate ai piedi di quel Monte, andò a svernare in una buca dietro l’attuale grande masso e lì rimase in letargo per tutto l’inverno. In primavera il serpente non riuscì ad uscire dallo stretto passaggio e cominciò a piangere e a gemere. Attirò così l'attenzione di due innamorati, Alfonso e Maria Cristina, che in quel luogo si incontravano di nascosto perché il loro amore era contrastato dalle rispettive famiglie: nobile ricco lui, povera popolana lei.
La giovane impietosita dal continuo lamento del serpente tentò di aiutarlo a venir fuori, ma non appena allungò la tenera mano ricevette un velenoso, mortale, morso dall’animale. Fu così che la giovane innamorata si abbandonò fra le braccia del fidanzato e con la parola “t'amo” si addormentò nel mistero della montagna che soffia.
Il giovane Alfonso cominciò a piangere e disperarsi alla vista di quel corpo inerme; piangeva così tanto che persino gli alberi iniziarono a scrollarsi lasciando cadere le loro foglie.
Si creò un letto morbido di fronde belle e profumate dove lui adagiò l’amato corpo. Le foglie la ricoprirono cercando di darle la loro linfa ...rimase scoperto solo il bel viso incorniciato dai lunghi capelli neri. La dolce pozzillana sembrava che dormisse.
Anche il serpente che le aveva provocato la morte, pentitosi, uscì dalla buca e cercò di riassorbire il veleno, ma purtroppo la giovane non ebbe scampo e morì sorridendo al suo amore ormai per sempre perso.
Gli animali della montagna accorsero e silenziosi vegliavano con dolore i due innamorati, finché il giovane in un ultimo saluto prese fra le braccia l’amata Maria Cristina, trattenendola sulle sue ginocchia, e in quello straziante abbraccio desiderò con tutte le sue forze di restare per sempre così, per non separarsi mai più. Iniziò allora un turbinio ed un violento temporale, finché un fulmine colpì quell’abbraccio trasformando i due giovani in un grande masso a perenne testimonianza dello sfortunato amore e del loro dolce sacrificio. Ancora oggi i due giovani pietrificati sono lì, visibili su “gl muarr che scioscia”, e il serpente continua a sibilare di dolore per il male fatto ai due cari giovani.
Molti innamorati raggiungono, da allora, “gl muar che scioscia” per scambiarsi promesse di fedeltà e di amore per tutta la vita.
Questa è la leggenda legata a “Gl muarr che scioscia”.
Fonti più scientifiche riferiscono invece che sotto il grande masso scorre un corso d’acqua, ed è per questo motivo che si sente il “soffio”.
Questo luogo misterioso e romantico ci attende per essere riscoperto, per chi lo volesse sarà una camminata nel bellissimo verde delle nostre montagne a contatto con la natura; un’escursione alla ricerca di ricordi storici, di leggende e preghiere. Insomma alla riscoperta delle nostre radici!


  (PREGHIERE E POESIE)
23/04/2019 06:57  

Preghiera provocatoria

Festa Gay praid si...
Congresso della famiglia no...
È giusto secondo voi?

Preghiera provocatoria..

Oh Dio, Tu fin dal principio mi pensavi prima che nascessi, sapevi cosa sarei stato. A volte Signore Dio non riusciamo a comprendere la nostra natura: in quale condizione ci hai posto sulla terra Dio misericordioso? Fa che nessuno possa sentirsi diverso. Chi è gay, fa che si senta ancora più gay. Chi è lesbica fa che si senta ancora più lesbica. Chi è abortista fa che abortisca ogni volta che rimane incinta. Chi è bisessuale fa che possa sfogare i suoi stimoli come meglio crede. Ma chi crede nella famiglia, in quello che è il naturale percorso della vita, fa che non venga mai e poi mai contestato da chi non crede all'essere stato creato maschio e femmina. Chi si sente maschio, diventi sempre più maschio. Chi si sente donna, diventi sempre più donna. Chi desidera costruire il proprio futuro, lo faccia attraverso il proprio istinto. Chi invece, come me crede nella famiglia, fa che possa essere rispetato da chi ha altre inclinazioni sessuali. Solo tu, oh Dio, conosci sin dal giorno della mia nascita cosa sia meglio che io ami. Amen
Don emilio cioffi..


  (PREGHIERE E POESIE)
23/04/2019 06:56  

Preghiera al fuoco

Preghiera al fuoco

Preghiera al "fuoco"...

Fuoco scalda il mio cuore ma non bruciare la mia storia, il mio futuro. Sei stato creato da Dio, è lui il tuo Signore, gli devi ubbidienza!
Sei stato creato per aiutare l'uomo negli inverni gelidi e non per dar forza all'inferno. Sei fuoco d'amore che da' forza allo spirito Santo, non rubarti la pace mia e della mia famiglia! Amen.


  (PREGHIERE E POESIE)
24/03/2019 20:04  

Signore Gesù donami amore

Signore Gesù donami amore

Preghiamo in questo modo:

Signore Gesù donami amore;
l'amore che mi spinga a donare amore,
che mi spinga a comportarmi meglio, che mi dia la forza di andare a Messa, di confessarmi, di perdonarmi e di perdonare le persone che mi hanno ferito, che mi hanno offeso in questa giornata. Gesù amore, lascia nel mio cuore il tuo amore affinché questo amore che tu mi doni possa sciogliere il ghiaccio che alberga nel mio cuore.
Gesù donami il tuo amore..
Grazie Gesù... Buonanotte a voi tutti che amate Senza riserva. Vi benedico: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen, viviamo in pace!


  (PREGHIERE E POESIE)
04/12/2018 21:32  

Sei nato

Sei nato


Sai, pensandoci bene anch'io sono nato, sono nato proprio come te. Io, il 6 gennaio, tu in un'altra giornata, l'importante è essere nati ed essere qui per dire che é bello essere amati.
Tutti abbiamo il giorno della nostra nascita, e se la memoria vien meno non facciamoci caso, l'importante è essere nati! Nati alla vita, nati per amare, nati per attraversare gli anni della nostra storia, nati dall'amore di mamma è papà; generati per continuare la vita di chi prima di noi è nato.
...Mia madre Elisa Giovina Pirolli, donna simpatica, bella, capricciosa e leale, com mio padre Raffaele Liberato, uomo dalle mille risorse, molto lavoratore ma....
Si sono nato, nato nella gioia di sapere che anch'io sono stato pensato e da Dio amato! Battezzato col nome di Giuseppe Emilio Cioffi, in ricordo dei miei avi. E ora ci siete voi, cari figli miei amati! Stefania bella, dolce, paziente e simpatica;
Federico irruento, testa dura, forte e ruspante; Andreacristiano timido, gentile ma che sa anche fingere per non soffrire;
infine ci sei tu, dolce Claudia, donna della mia vita, sempre pronta a sacrificarti per la tua famiglia ...che dirti!!! Sei tu che ci fai essere migliori!
Questa si chiama vita, essere qui presente, in mezzo al mondo oggi!
Proprio in questo giorno la luce su di me si è fatta profonda e sono qui, vivo più che mai, e con piacere ricevo auguri, da tutti voi, di buon compleanno.
Compleanno che mi ricorda che è il 6 gennaio anche in questo nuovo anno che mi regala forza da voi tutti di andare avanti! Grazie di cuore !
diacono Don Emilio Cioffi poeta di Dio


  (PREGHIERE E POESIE)
04/12/2018 20:24  

Si sono così ...

Si sono così ...


Vorrei tanto non infastidirti col mio modo di essere, ma sono così e poco posso farci se mi permetto di disturbarti è solo per dirti che ti amo.
Vorrei tanto avere la tua pazienza, la tua calma, ma il troppo volerti bene mi spinge a volerlo dire subito, senza timore, senza aspettare neanche un minuto; questo solo io so fare!
A volte sai, vorrei non essere mai nato per non soffrire della paura che tu non possa più amarmi, non volermi più come tuo amore, amore puro, amore che non tramonta mai. Sai, a volte, vorrei essere trasparente come il vento per poterti accarezzare senza farmi vedere, senza che ti possa disturbare, lui, il vento, è forte e bello, come tu sai, e sa anche essere freddo o caldo, timido e avvolgente o senza volerlo, violento facendoci del male. Anche essere Sole potrebbe essere bello, lui non guarda il nostro fuso orario, sorge e tramonta sempre, senza far rumore, per non disturbare il nostro amore pur di vederci felici, pur di farci vivere una dolce e splendida nuova emozione.
Scusami Amore se ora ti chiamo così; amore vuol dire tante cose, e poi non conosco altro modo per dirti che sei la mia vita; di qualunque grado esso sia pur sempre amore è,
e va difeso e accettato: chi ama non sbaglia mai! Si, credo proprio che sia così il mio modo migliore per dirti che ti amo, amo la vita, amo la pace, amo la gioia, l'amo tanto che mi sembra di impazzire e ringrazio il buon Dio che me l'ha donata. Ora, se hai un po' di tempo, rispondimi: dimmi che anche tu ami!
Emilio Cioffi, poeta di Dio.


  (PREGHIERE E POESIE)
02/12/2018 18:40  

Avviso

Avviso importante:

più si avvicinano le feste e più il demonio si fa sentire! Amici attenzione perché colpisce soprattutto le famiglie che sono buone e che si sforzano di vivere nell’armonia. Ci si può difendere solo con la preghiera e la sottomissione a Dio.
Molte volte in alcuni individui le negatività si presentano proprio quando si avvicinano le feste, più la festa è vicina più le negatività si fanno sentire e così disturbano la serenità e la pace delle loro famiglie e di se stessi.
Vieni Spirito Santo di Dio, riporta la serenità, riporta la pace, riporta l'unione, scendi con la tua potenza, Spirito Santo di Dio, allontana questa negatività da queste persone deboli di carattere che trovano qualsiasi pretesto per dare fastidio e portare litigi nei luoghi dove si trovano, vieni con la tua potenza Spirito Santo di Dio, scendi Misericordia di Dio, Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. Amen Amici auguro a tutti una santa serata, la benedizione del Signore scenda sulle vostre famiglie e sui vostri cari. Un augurio per la prima domenica di Avvento.


  (PREGHIERE E POESIE)
16/10/2018 08:35  

Lettera di un papà

Ciao Stefania, figlia mia.
Ecco, volevo dedicare il primo pensiero del mio risveglio a te che sei parte di me e di mamma. Oggi la tua vita si profuma di un nuovo anno, che non ti fa invecchiare, ma ti porta ad essere più matura e saggia per scoprire ed apprezzare meglio la vita, la tua vita meravigliosa in tutto questo bene, dove Dio ti ha sempre guardato con uno sguardo amorevole.
Dolce rugiada del mattino, non lasciarti mai condizionare da nessuno, Lui, Dio, ama la tua libertà, il tuo modo di essere e mai nessuno dovrà ostacolarti nelle tue nobili scelte. Ora sei una donna vera, una donna intelligente, sei una parte di me che vive con te. Una moglie premurosa, attenta ai bisogni dell'uomo che hai sposato e per finire, una mamma dolce che tutti i bambini del mondo vorrebbero avere! Non ti manca nulla per essere felice! Per questo ti dico, scrivendoti dal luogo dove mi trovo, nella cuccetta di una nave che naviga verso casa, di non cadere mai e poi mai nelle paure degli altri, nella trappola dei prepotenti, per non farti rubare i tuoi anni più belli. Ricordati: dove c’è da difendersi, difenditi pure, dove c’è da chiedere perdono, chiedilo sempre, ma mai e poi mai dovrai farti rubare la tua santa libertà! Auguri figlia mia, da parte di mamma e papà, Federico ed Andrea e con noi sicuramente Roberto ed Alessia, Edoardo e Giuseppe, tutti insieme per essere una famiglia vera, sana, benedetta fin da principio dalla Vergine Maria e da San Pio che mai hanno smesso di amarci.
Auguri ed un bacio sul tuo nobile cuoricino di figlia amata!
Tuo papà. ??????


  (PREGHIERE E POESIE)
02/10/2018 20:54  

Preghiera per le famiglie

Preghiera per le famiglie

Signore Gesù come tu hai vissuto la tua infanzia, la tua giovinezza, con tua madre Maria e con Giuseppe, padre putativo, nella serenità e nella tranquillità, fa che anche le nostre famiglie vivano allo stesso modo. Fa che i genitori possano vedere i figli dei loro figli e partecipare in pieno alla vita e alla crescita della famiglia. Fa che i nonni possano godersi i nipoti e i pronipoti, fino al giorno in cui con dolcezza li farai addormentare nella serenità della vita Eterna. Amen.


  (PREGHIERE E POESIE)
29/07/2018 20:56  

Io sono così!!!

Io sono così!!!

Sono parole sincere che nascono dal cuore.
Io non voglio mai essere falso,
non voglio mai essere ipocrita
non voglio mai essere superiore a nessuno
Io non voglio mai essere ricco
non voglio avere macchine e case lussuose
mai essere forte.
Io non voglio mai essere me stesso....
Io.... voglio solo essere
TD cioè: tutto di Dio, appartenere a Gesù e a Maria e servire per tutta la vita la Santa Romana Chiesa
e te se hai bisogno di me..

emilio Cioffi diacono..


  (PREGHIERE E POESIE)
29/07/2018 20:54  

Pensando a te...

Pensando a te...

Anche oggi è passata e a te ho pensato. Ho creduto che come me sicuramente hai trascorso una lieta giornata. Ora il Signore ci chiama a una bella, dolce serata per sigillare il lavoro di una santa giornata ...anche se ha lasciato qualche ferita o una lacrima. Non pensiamoci! Affidiamola al cielo, saprà calmarla e non tralasciamo, al momento di riposare, di benedire tutti! Benedire la propria famiglia e la giornata dev'essere una cosa normale Se poi dal viso un sorriso spontaneo dovesse sgorgare lascio andare è un buon segno per donare a tutti una buona speranza. Buon riposo a te che hai lavorato per soddisfare Dio e la tua famiglia, buon riposo dolce cristiano o cristiana!
don emilio ti é sempre vicino ovunque tu stai.


   

La luce che cercavi | Corso XXV archi, Roccaravindola, 86070 | (IS) - ITALIA | Tel: 349 50 75 948 |